Escape the dark castle: fuggi dalle prigioni

Escape the dark castle: fuggi dalle prigioni

Persone comuni, incarcerate ingiustamente  ora dovranno collaborare per scappare dal castello, affrontando prove e nemici.

Pubblicato da RiKindred il 09-06-2022

Scheda tecnica

Anno pubblicazione: 

2019

N° giocatori: 

1-4

Durata: 

30 minuti

Autore: 

Alex Crispin, James Shelton, Thomas Pike

Illustratore: 

Alex Crispin

Distributore: 

Ghenos Games

Contenuto scatola/confezione

  • 45 carte capitolo
  • 6 carte personaggio
  • 35 carte oggetto
  • 1 carta di partenza
  • 5 carte boss
  • 9 dadi capitolo
  • 6 dadi personaggio
  • 1 segnapunti
  • matite

Escape the dark castle è un gioco cooperativo di avventura da 1 a 4 giocatori in cui si impersoneranno delle persone comuni, incarcerate ingiustamente e che ora dovranno collaborare per scappare dal castello, usando la loro abilità e gli oggetti che troveranno lungo la strada.
Ciascuno sceglierà un personaggio, rappresentato dalle pittoresche carte corrispondenti ed inoltre prenderà il dado specifico del personaggio. 
Alla sinistra del per nulla inquietante ritratto troveremo le statistiche del nostro personaggio: Saggezza (Asterisco), Forza (Pugno) e Astuzia (Occhio). Tutti i personaggi sono bravissimi in una cosa, passabili in un'altra e buoni a nulla nell'ultima. Questi tre tratti si riflettono anche sul dado (siiiii, dadiiiii), che avrà più probabilità o meno di far venire fuori uno dei tre simboli.

SETUP E GAMEPLAY

Per creare il mazzo castello pescheremo 15 carte a caso tra le 45 disponibili e le metteremo a faccia in giù sopra una carta boss, anch'essa pescata a caso. L'obiettivo è superare tutte le stanze del castello ed infine sconfiggere il boss con successo. Se anche solo un personaggio arriverà a 0 o meno punti vita, tutti perdono.
Non c'è un vero e proprio ordine dei turni in questa avventura, infatti saranno i giocatori a scegliere chi sarà il prossimo povero sfortunato a girare la carta successiva e di conseguenza a prendere di petto ciò che il gioco deciderà farci affrontare. La nostra fuga dal castello non sarà tutta rose e fiori, infatti ogni carta può rivelare una trappola, un nemico da sconfiggere o una prova da superare. Altre carte invece non saranno poi così male e saranno uno dei pochi aiuti che riceveremo durante la partita.
Per chi ha girato la carta potrebbero esserci anche dei bonus o, il più delle volte dei malus, oltre al fatto che delle scelte dovranno essere fatte per decidere come affrontare l'ostacolo.

Nemici escape the dark castle

Quando combatteremo o quando dovremo superare una prova sarà il momento in cui dovremo fare uno sfoggio d’abilità con il nostro dado (si consigliano vivamente dadi NON truccati). Dovremo far combaciare il risultato del nostro dado con quello dei dadi capitolo (quelli neri) che rappresentano la difficoltà della sfida o, se stiamo combattendo, la vita del nostro nemico. Quando infine il nemico verrà sconfitto, potremo pescare una carta oggetto.

Se invece il nemico non è stato sconfitto, infliggerà a tutti, se non diversamente indicato sul mostro corrente, infliggerà danno a tutti pari al numero indicato in basso a destra sulla carta. I giocatori che lo desiderano possono riposare durante un combattimento, quindi non subiranno danni per quel turno e recupereranno 1 punto vita. Ovviamente almeno una persona deve sempre combattere, quindi non fate i furbi riposando tutti assieme, magari prendendo un tè con il nemico.
Prima di girare la prossima carta del castello, i giocatori potranno scambiarsi gli oggetti, in base a quali avranno le migliori sinergie con i personaggi o a chi ne ha più bisogno.
Se si riuscirà a sconfiggere il boss finale del castello, la partita sarà finita e tutti avranno vinto. Evviva siete usciti tutti dal castello, da adesso in poi rigate dritto e pagate le tasse.

 

 

Opinione finale

Il gioco è perfetto sia per i nuovi giocatori, sia per quelli più vissuti, dato che ogni partita sarà diversa e bisognerà adattarsi a tutto ciò che si incontrerà durante la nostra avventura.

Il fattore fortuna e strategico è ben bilanciato, bisognerà sapere chi far combattere e chi far riposare al momento giusto, ma essendo un gioco di dadi non sapremo mai in quanti turni riusciremo a sconfiggere il nemico.

Il prezzo del gioco è, per me, un po’ altino, ma i prodotti all’interno sono di ottima qualità oltre al fatto che avere nel proprio scaffale un gioco che è praticamente nuovo ad ogni partita è un privilegio non da poco, oltre al fatto che le partite essendo non più lunghe di una mezz’ora sarà possibile farne tante senza stancarsi.

Se lo si desiderasse è stata anche pubblicata su youtube (a questo link) la colonna sonora del gioco che si potrà mettere in sottofondo durante le serate con gli amici.

Contenuti correlati

Odyssey copertina
Recensione -

Odyssey – Black Tales: la Recensione del GDR tra Miti e Menzogne

Esplorate un Mediterraneo contorto con Ulisse e il suo equipaggio di predoni spietati in un'Odissea low-fantasy. Svelate segreti, menzogne e avventure in sette atti unici.

Pulsazione GDR investigazione temporale
Recensione -

Pulsazione, il GDR sui viaggi nel tempo e investigazioni

Un GDR masterless sempre nuovo e adatto a tutti, in cui viaggeremo nel passato e nel futuro per scoprire le storie mai raccontate perse nel tempo e tutta la catena di eventi che le ha causate

Wanderhome copertina
Recensione -

Wanderhome, la dolce e pucciosa soluzione a D&D

Un gioco di ruolo senza combattimenti in cui, alla ricerca di casa, i personaggi esploreranno la terra di Hæt. Tra creature bisognose, festival unici e problemi da risolvere, la vera anima della storia sarà il viaggio.