One card dungeon: un minimal dungeon crawl

One card dungeon: un minimal dungeon crawl

Un fenomenale dungeon crawl per un giocatore, che dovrà affrontare 12 livelli pieni di mostri

Pubblicato da RiKindred il 14-09-2022

Scheda tecnica

Anno pubblicazione: 

2021

N° giocatori: 

1

Durata: 

15–60 Min

Autore: 

Barny Skinner

Illustratore: 

Marco Salogni

Distributore: 

Little Rocket Games

Contenuto scatola/confezione

  • 1 carta Dungeon;
  • 1 dado Avventuriero;
  • 4 dadi Mostro;
  • 4 dadi Abilità:
  • 2 carte Classe;
  • 3 dadi Energia;
  • 1 blocchetto salvataggio partita;
  • regolamento in italiano e in inglese.

Poco tempo fa Little Rocket Games ha pubblicato una collana di giochi da tavolo tascabili e dal prezzo più che contenuto per ciò che offrono. Questa collezione, chiamata Blue Collection, include tre giochi - venduti singolarmente - con generi e ambientazioni molto diverse che ricordano, per grafica e modalità di gioco, i videogiochi arcade degli anni i 80-90.

Il gioco da tavolo in questione è un dungeon crawl in solitario, che necessita di pochissimi materiali per giocare; basterà una sola carta e qualche dado per affrontare 12 livelli pieni di mostri.
Superandoli tutti troveremo l’ambito scettro di M’Guf-yn, che solamente chi ha acquistato l’edizione kickstarter troverà dentro alla scatola.

 

SET UP

Si orienta la carta Dungeon in modo da avere il mostro del livello uno (il ragno) in basso a sinistra, dopodiché si posizionano i dadi rossi dei mostri nei punti indicati sulla mappa. Il dado rappresenterà anche la salute attuale dei nemici, indicata nell’angolo in alto a destra nel disegno del mostro.

Il dado verde Avventuriero va messo sulle scale di ingresso con valore 6 raffigurante i nostri punti vita, che scenderanno pericolosamente durante il gioco.
Sia l’avventuriero che i nemici hanno quattro caratteristiche di base: movimento, attacco, difesa e gittata. Quelle dei mostri sono indicate sulla carta, mentre per l’avventuriero utilizzeremo i dadi bianchi, impostando ogni statistica su uno eccetto la gittata, che parte da due.

Set up one card dungeon

A questo punto abbiamo la possibilità di scegliere una delle 4 classi di personaggio da interpretare tra Paladino, Barbaro, Mago e Ranger. Il gioco si svolge sempre allo stesso modo, ma ogni personaggio ha una abilità speciale che può tornare utile in alcune situazioni (almeno nelle prime partite, per prendere dimestichezza con il gioco, è consigliato giocare senza scegliere una classe per il nostro personaggio).
Bene, la nostra avventura sta per iniziare, scendiamo al livello 1 del dungeon e stiamo pronti ad affrontare ragni, orchi, scheletri e demoni.

Personaggi one card dungeon

COME SI GIOCA

Il gioco si svolge in round costituiti da varie fasi:

  1) Fase Energia: tiriamo i 3 dadi neri. Poi in base ai risultati li collochiamo a nostra scelta sotto ai nostri dadi Movimento, Attacco e Difesa. Questi valori vanno a sommarsi alle nostre abilità di base e il risultato è quello che utilizziamo durante il turno per quella statistica. La Gittata non ha dadi modificatori e rimane sempre quella base (a meno che non stiate usando il Ranger).

  2) Fase Avventuriero: possiamo spendere i nostri punti Movimento e Attacco per spostarci nel livello e attaccare i mostri, in qualsiasi ordine. Possiamo tirare una bastonata ad un mostro per poi spostarci e poi attaccare ancora.
Muoversi in orizzontale o verticale di una casella costa 2 punti movimento. In diagonale invece costa 3 punti. Per attaccare un mostro dobbiamo essere in una casella a portata della nostra Gittata. Per gli attacchi a distanza vale lo stesso discorso dei movimenti. Gli attacchi ortogonali (orizzontale e verticale) costano 2 punti per casella, in diagonale 3 punti gittata. Quando attacchiamo dividiamo il valore del nostro attacco per quello della difesa del mostro, arrotondando per difetto, e sottraiamo il risultato alla vita del mostro (quanti calcoli mannaggia). Quando il valore scende sotto l’1 rimuoviamo il dado.

  3) Fase Mostri: muoviamo i mostri tenendo conto del loro valore di Movimento, facendogli seguire il percorso più rapido possibile per raggiungerci. Se sono nel range della loro gittata ci attaccano; si sommano tutti i valori di attacco di tutti i mostri capaci di attaccarci e si divide il totale per il nostro valore di difesa, arrotondando per difetto.

 

Quando i mostri ci infliggono danni diminuiamo la nostra vita cambiando faccia al dado verde. Se perdiamo tutti i punti vita perdiamo ovviamente anche la partita. Dopo la fase di mostri il gioco prosegue con una nuova fase Energia, Avventuriero e Mostro.

Quando abbiamo sconfitto tutti i mostri abbiamo concluso il livello e possiamo passare a quello successivo.

 

Tra un livello e l’altro abbiamo 2 opzioni:

  • Aumentare di 1 punto una delle abilità di base (dadi bianchi) potenziando il nostro personaggio e rendendolo più pronto a resistere ai nemici, correre come un centometrista, a tirare legnate come un boscaiolo o a colpire i nemici dall’altra stanza.
  • Stenderci un attimo nella nostra amaca e con un riposino recuperare tutta la salute, impostando il dado verde a 6

 

Opinione finale

One Card Dungeon è estremamente consigliato, data l'elevata rigiocabilità, le dimensioni contenute che ci permetteranno di portarlo ovunque, senza parlare di un prezzo ridicolmente basso di soli 11,90 euro.

Completare un livello richiede una decina di minuti e possiamo “salvare” la partita alla fine di ogni livello. Basta annotare i punti vita e le statistiche del nostro personaggio in base a come lo abbiamo fatto crescere dopo ogni livello.

Il livello di difficoltà del gioco non è molto elevato avendo meccaniche molto semplici. L'unico vero punto di domanda del gioco risiede nei dadi. Dato che dovremo lanciarli all'inizio di ogni turno, potremmo di volta in volta passare da avere un eroe invincibile, ad averne uno preso con i punti delle merendine. L'unica cosa che riesce a compensare un tiro sfortunato è la possibilità di potenziare al massimo una statistica, così da avere la sicurezza di riuscire a sopravvivere in quel turno.

Contenuti correlati

Odyssey copertina
Recensione -

Odyssey – Black Tales: la Recensione del GDR tra Miti e Menzogne

Esplorate un Mediterraneo contorto con Ulisse e il suo equipaggio di predoni spietati in un'Odissea low-fantasy. Svelate segreti, menzogne e avventure in sette atti unici.

Pulsazione GDR investigazione temporale
Recensione -

Pulsazione, il GDR sui viaggi nel tempo e investigazioni

Un GDR masterless sempre nuovo e adatto a tutti, in cui viaggeremo nel passato e nel futuro per scoprire le storie mai raccontate perse nel tempo e tutta la catena di eventi che le ha causate

Wanderhome copertina
Recensione -

Wanderhome, la dolce e pucciosa soluzione a D&D

Un gioco di ruolo senza combattimenti in cui, alla ricerca di casa, i personaggi esploreranno la terra di Hæt. Tra creature bisognose, festival unici e problemi da risolvere, la vera anima della storia sarà il viaggio.